Aiuti di emergenza per l'Ucraina

Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) passa alla seconda fase di aiuti destinati all'Ucraina. Subito dopo l’aggressione militare la Fondazione Pontificia aveva infatti stanziato 1,3 milioni di euro per le diocesi, le eparchie e gli esarcati dell'Ucraina orientale e occidentale. Tali fondi sono già giunti alle rispettive destinazioni. 

In questa seconda fase, appena apertasi, gran parte dell’aiuto andrà a beneficio delle religiose, dei sacerdoti e dei seminaristi che stanno accogliendo e sostenendo i milioni di sfollati ucraini in viaggio verso i confini e bisognosi di rifugio e nutrimento, sia fisico sia spirituale. Il valore dei nuovi aiuti già approvati è di 687.180 euro.

Ad essi stanno per aggiungersi ulteriori contributi, in fase di approvazione, del valore approssimativo di 202.500 euro. Oltre a queste iniziative ACS ha approvato 27 progetti finalizzati a convogliare le offerte per Messe a beneficio dei sacerdoti ucraini, per un valore di 579.491 euro

«Gli aiuti materiali stanno raggiungendo le persone attraverso i Paesi confinanti occidentali, principalmente la Polonia, per questo motivo i veicoli, nelle aree di conflitto, sono uno strumento necessario per la consegna di cibo, acqua, pannolini e medicinali. Sono pertanto in cantiere diversi progetti di ACS per assicurare la fornitura di furgoni e camioncini», spiega il direttore di ACS Italia, Alessandro Monteduro. «Al perdurare degli scontri armati si contrappone una articolata reazione di carità, necessaria per difendere le famiglie sfollate dalla disperazione», conclude Monteduro.

News dall'Ucraina

Per il direttore della fondazione cattolica Alessandro Monteduro, "la pace va conseguita non guardando ai nostri interessi ma per quel popolo che è… altro
Superati i sei mesi di guerra in Ucraina, Aiuto alla Chiesa che Soffre ha intervistato mons. Pavlo Honcharuk, vescovo della diocesi latina di Kharkiv-… altro
A cinque mesi dall'invasione dell'Ucraina da parte delle truppe russe, Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) fa il punto sui progetti adottati: oltre 5… altro
A 43 giorni dall’inizio dell’invasione militare dell’Ucraina Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) passa alla seconda fase di aiuti. Subito dopo l’… altro
Secondo recenti dati dell'UNHCR, quasi quattro milioni di ucraini hanno attraversato i confini con i Paesi vicini. Si stima inoltre che ci siano oltre sei… altro
Parlando con Aiuto alla Chiesa che Soffre, per il vescovo cattolico romano di Odessa-Simferopol, mons.  Stanislav Shyrokoradiuk OFM, uno dei motivi… altro
Don Lucas Perozzi è un brasiliano missionario a Kiev, capitale dell'Ucraina, sin dal 2004. Fin dai primi giorni della guerra insieme ad altri tre… altro
A un mese esatto dall'inizio della guerra molti fedeli in Ucraina ripongono tutta la loro speranza nella Consacrazione della Russia e dell'Ucraina al… altro
A un mese dall'inizio della guerra in Ucraina gli attacchi alla capitale si sono intensificati e il numero di persone in fuga dalle proprie case in cerca… altro
Mentre milioni di persone cercano di fuggire dall'Ucraina, alcuni intendono restare per aiutare coloro che non possono fuggire. Tra loro ci sono operatori… altro
Kharkiv è una delle città ucraine maggiormente colpite. Molti edifici e appartamenti sono stati danneggiati o distrutti. Nella prima settimana di guerra,… altro
Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), oltre a stanziare, come primo contributo, 1,3 milioni di euro a sostegno dello sforzo profuso dalla Chiesa per… altro
Padre Wladyslaw Biszko, in un colloquio con Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), racconta che «c'è grande andirivieni qui. Migliaia di profughi arrivano… altro
L’Arcivescovo Visvaldas Kulbokas, Nunzio Apostolico in Ucraina, in un colloquio con Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) descrive la situazione a Kiev: «Dal… altro
La città di Odessa, situata sulla costa del Mar Nero, nell'Ucraina meridionale, vive ore di angosciosa attesa. Per ora è stata risparmiata dalla fase più… altro
Secondo i suoi stessi rapporti, l'esercito russo l’8 marzo ha disposto un nuovo cessate il fuoco in Ucraina e ha aperto "corridoi umanitari" per cinque… altro
La fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) ha approvato il primo pacchetto di aiuti di emergenza per l’Ucraina, composto da 22 iniziative… altro
«Lviv è ancora una città meno pericolosa delle altre. Stanno suonando gli allarmi antiaerei, ma grazie a Dio non ci sono stati bombardamenti. Stiamo… altro
A Kharkiv, una delle città ucraine maggiormente colpite, un missile ha colpito la casa del vescovo cattolico, mons. Pavlo Honcharuk. Fortunatamente… altro
Notizie strazianti sono emerse dall'Ucraina questo fine settimana. Le cifre ufficiali del governo parlano di migliaia di morti, tra cui 380 civili. Più di… altro
Le politiche discriminatorie delle autorità russe che occupano la Crimea e delle cosiddette Repubbliche di Lugansk e Donetsk, riconosciute da due giorni… altro

I progetti di ACS per l'Ucraina cristiana

Dall'invasione del territorio ucraino, iniziata il 24 febbraio 2022, più di 12 milioni di ucraini sono stati costretti a fuggire dalle proprie case. Oltre… altro
Come il resto del mondo, anche i Paesi dell'Europa centrale e orientale stanno lottando per far fronte alla pandemia da coronavirus. Oltre a ciò la… altro
La parrocchia di San Pio (da Pietrelcina) a Krasnosilka, un villaggio dell'Ucraina meridionale a circa 15 km da Odessa, è ancora giovane e anche piuttosto… altro
In Ucraina le Suore della Sacra Famiglia lavorano attualmente in otto diversi centri. In tempi normali prestano servizio nelle parrocchie, insegnano… altro
La recente Lettera Apostolica "Antiquum Ministerium", con la quale Papa Francesco istituisce il "Ministero laicale di Catechista", con le proprie… altro
L'Ucraina ha affrontato numerose e importanti sfide. 70 anni di comunismo hanno lasciato un segno profondo nella società, oggi tormentata da corruzione,… altro
La congregazione greco-cattolica di rito ucraino delle Sorelle di San Giuseppe annovera molte giovani vocazioni. Le religiose si occupano principalmente… altro

Leggi il Rapporto