Sacerdote nigeriano ad ACS: «Chiediamo, a chiunque possa, di aiutarci nelle indagini sul campo»

I colpevoli dell'uccisione di decine di fedeli presenti alla Messa di Pentecoste a Owo, nella diocesi di Ondo in Nigeria, non sono ancora identificati. In un'intervista esclusiva ad Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS), don Augustine Ikwu, direttore delle Comunicazioni Sociali per la diocesi, descrive la situazione dei feriti e di come la Chiesa locale stia facendo di tutto per evitare ulteriori violenze.

Quante persone sono state uccise o ferite esattamente nell'attacco avvenuto domenica scorsa?

Ne abbiamo già 38 all'obitorio: cinque bambini, una femmina e quattro maschi; due adolescenti, una ragazza e un ragazzo; dodici uomini adulti e diciannove donne adulte. Stiamo ancora cercando di risalire ai nomi di coloro che sono in ospedale. Abbiamo già molti nomi, ma alcuni sono stati portati in ospedali privati, quindi stiamo cercando di contattare le famiglie di ogni persona che era in chiesa quel giorno, in modo da rendere conto di tutti. Inoltre, chiediamo a chiunque abbia preso in carico i corpi dei propri familiari di contattarci. Pertanto, non siamo in grado di fornire numeri definitivi.

Qual è la condizione dei feriti? Il bilancio delle vittime potrebbe ancora aumentare?

Ieri ero in ospedale e ho visto quelli che erano lì. Sono relativamente stabili, ad eccezione di alcuni che sono gravemente feriti. I medici stanno facendo un ottimo lavoro e spero che sopravvivano, con la grazia di Dio, le nostre preghiere e gli sforzi del personale medico.

Cosa sappiamo degli aggressori?

Non abbiamo ancora niente di concreto. Ci sono state così tante speculazioni, ma non vogliamo seguire ipotesi che potrebbero rivelarsi errate. Alcune delle speculazioni suonano abbastanza logiche e si adattano alla situazione generale del nostro Paese in questo momento, come l'insicurezza, i disordini politici e i conflitti tra pastori Fulani e agricoltori. Sebbene non affermiamo che queste speculazioni siano false, non le confermiamo nemmeno. Sono possibilità, ma finché non siamo in grado di renderci conto dei fatti non possiamo dirlo. Si spera che qualcuno venga catturato e confessi i veri motivi dietro l'attacco.

C'è una storia di conflitto nello Stato? Della violenza dei militanti islamici, o dei pastori fulani?

Questo è stato generalmente uno Stato pacifico. Occasionalmente ci sono incidenti, ma non sono situazioni serie. È davvero uno Stato pacifico ed è difficile credere che i musulmani locali farebbero qualcosa del genere. C'è sempre stata una chiara divisione tra i musulmani del nord e del sud. I musulmani che vivono nella nostra regione sono relativamente pacifici e si sono esposti pubblicamente per condannare questa atrocità. Quindi non possiamo attribuire loro quanto accaduto.

Quali sono le principali esigenze della diocesi in questo momento?

È un momento difficile per noi e vorremmo invitare il mondo intero a ricordarci nelle sue preghiere, a pregare per i defunti, i feriti e le loro famiglie nella diocesi. Oggi abbiamo iniziato una novena e chiediamo a tutti di unirsi a noi. Chiediamo inoltre, a chiunque possa, di aiutarci nelle indagini sul campo. Ma vorremmo anche chiedere al mondo di essere consapevole della situazione di insicurezza, non solo nel nostro Stato ora, ma nell'intero Paese, perché a questo punto l'insicurezza ha letteralmente preso il controllo della nazione. E se potessi dire qualcosa all'attuale governo, direi che non è disonorevole dimettersi quando ci si trova di fronte a una situazione che non si può gestire. Se il Paese è diventato ingovernabile, dovrebbe essere onorevole dimettersi e lasciare spazio a qualcuno che potrebbe essere in grado di gestirlo meglio. Non dobbiamo permettere che l'avidità ci guidi.

Teme che la comunità cristiana possa tentare di vendicarsi dei presunti colpevoli di quanto accaduto?

Il vescovo ha continuato a fare appello alla popolazione affinché sia ​​pacifica, rispettoso della legge e non si faccia giustizia da sé. Nessuno dovrebbe uscire per commettere il male in cambio del male. Questo non è affatto lo stile di vita cristiano. Anche in queste situazioni, rispondiamo al male con la pace.