Sosteniamo la formazione di 106 giovani religiose ad Haiti

Haiti è il Paese più povero dell'America Latina e una delle nazioni meno sviluppate del mondo. Violenza, criminalità, disastri naturali, disordini politici, povertà e fame: sembra esserci poca sofferenza che non affligga questa nazione. Anche il 2021 non è stato meno turbolento. All'inizio di luglio il presidente Jovenel Moïse è stato assassinato e appena un mese dopo un forte terremoto ha colpito la parte occidentale della piccola repubblica. Sono queste le travagliate circostanze nelle quali le Piccole Suore di S. Teresa del Bambino Gesù stanno assistendo la popolazione sofferente. La loro Congregazione è stata fondata nel 1948, la prima di suore autoctone del Paese, e ormai sono presenti in quasi tutte le diocesi. Lavorano soprattutto con i poveri delle zone rurali remote e sottosviluppate. Quest'anno è stato particolarmente difficile anche per loro perché quattro delle loro case sono state danneggiate dal terremoto. 

Ci sono tuttavia buone ragioni per gioire, poiché la loro Congregazione è stata benedetta da numerose nuove vocazioni. Attualmente sono ben 106 le giovani in formazione. Il popolo di Haiti ha bisogno di queste religiose ed è vitale che ricevano la migliore formazione spirituale e umana possibile, acquisendo nel contempo le necessarie conoscenze pratiche. 

ACS sta raccogliendo 15.000 euro per la loro formazione. Vuoi contribuire anche tu?

Coronavirus nel mondo: costituiamo un fondo di emergenza per i cristiani più sofferenti

Immagine di Coronavirus nel mondo: costituiamo un fondo di emergenza per i cristiani più sofferenti

Per far fronte alle conseguenze del coronavirus sono impegnati non soltanto i medici, ma anche migliaia di sacerdoti e suore. Ogni giorno portano aiuti materiali e conforto spirituale ai più poveri e agli oppressi, spesso soli e abbandonati. Aiuto alla Chiesa che soffre intende essere al loro fianco con questi progetti.

***

2 iniziative in Africa Due Paesi caratterizzati dalla violenza e dall'oppressione dei cristiani. In particolare, in Burkina Faso, negli ultimi mesi l’estremismo islamico con sanguinosi attentati colpisce i cristiani nel nord del Paese.

  • Burkina Faso: aiuti ai sacerdoti e alle suore nella diocesi di Dori
  • Repubblica Democratica del Congo: aiuti ai sacerdoti nella diocesi di Bukavu

3 iniziative in Asia Tre Paesi che vivono una situazione di grave povertà nella quale la Chiesa rappresenta la risposta anche ai bisogni materiali dei fedeli. In particolare in India, dove i religiosi e le religiose sono gli unici ad aiutare i Dalit, i più poveri tra i poveri.

  • India: aiuti alle suore nella diocesi di Hazaribag
  • Filippine: aiuti alle suore nella diocesi di San Jose
  • Myanmar: aiuti alle suore nella diocesi di Pekhon

3 iniziative in Medio Oriente Tre Paesi segnati dal terrorismo e dalla guerra che in Siria si combatte da nove anni, e dalle conseguenze delle atroci violenze con cui l’ISIS ha perseguitato i cristiani in Iraq e in Egitto.

  • Egitto: aiuti ai volontari di 25 parrocchie della diocesi di Alessandria d’Egitto
  • Siria: aiuti ai sacerdoti e alle suore nella diocesi di Aleppo
  • Iraq: aiuti ai sacerdoti e alle suore nella diocesi di Mosul 

2 iniziative in America Latina Due Paesi in cui ampie fasce della popolazione vivono al di sotto della soglia di povertà: Venezuela, a causa di un regime politico opprimente, e Haiti, per una cronica situazione di gravissimo sottosviluppo economico.

  • Venezuela: aiuti ai sacerdoti e alle suore nella diocesi di Barquisimeto
  • Haiti: aiuti ai sacerdoti e alle suore nella diocesi di Cap Haïtien

Grazie di cuore!