SAIF UL-MALOOK: “LA MIA VITA È DISTRUTTA MA NON MI PENTO DI AVER DIFESO ASIA BIBI. E OGGI VORREI INCONTRARE PAPA FRANCESCO”

“La mia vita è distrutta, ma non mi sono mai pentito di aver difeso Asia Bibi. Non ho rimpianti e se domani un altro cristiano mi chiedesse di difenderlo da un’accusa di blasfemia, lo aiuterei senza pensarci un attimo”. Così dichiara Saif Ul-Malook durante un incontro privato avuto ieri a Lahore con una delegazione di Aiuto alla Chiesa che Soffre in questi giorni in Pakistan.

L’avvocato è stato costretto a lasciare il Paese dopo che il 31 ottobre scorso è stata resa nota la sentenza di assoluzione per Asia Bibi, ma è voluto rientrare nei giorni scorsi per assistere all’udienza nel corso della quale la Corte Suprema ha respinto la petizione per il riesame del verdetto.

Una volta rientrato in patria ha dovuto nuovamente affrontare minacce. “Sono un morto che cammina. Mi accusano di essere un cattivo musulmano perché ho difeso una cristiana ritenuta colpevole di blasfemia. I miei amici e colleghi si rifiutano perfino di salire in macchina con me perché hanno paura di essere uccisi assieme a me”.

Parlando con ACS-Italia, l’avvocato ricorda quanto subito da Asia Bibi durante la sua permanenza nel braccio della morte. “Non so come abbia fatto a resistere per 8 anni in una stanza di 8 metri quadri, potendo uscire soltanto per mezz’ora due volte al giorno. Quando la incontravo cercavo di tirarle su il morale perché è impossibile vivere in quelle condizioni”.

Ora che Asia Bibi è libera, Saif Ul-Malook è pronto ad aiutare altri cristiani in difficoltà. “Non ho mai fatto differenze di fede, se una persona ha bisogno di me la assisto”, afferma l’uomo che confida poi ad ACS il suo più grande desiderio. “Vorrei incontrare Papa Francesco. Io sono musulmano ma desidero davvero incontrare il Pontefice. Lui è il leader spirituale di tre quarti dell’umanità”.

Questo elemento è stato inserito in . Aggiungilo ai segnalibri.
NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!