Monsignor Luigi Padovese

«La sua morte ci lascia sgomenti, incapaci di capire come possa essere accaduta una cosa così orribile, soprattutto nei confronti di un Uomo di Chiesa, un Vescovo molto amico dei Turchi e della Turchia. Questa terra si conferma così, ancora una volta, luogo di martirio anche per chi la amava tanto». Monsignor Ruggero Franceschini, vescovo di Smirne

 

E’ stato accoltellato in casa monsignor Luigi Padovese, Vicario apostolico dell’Anatolia dal 2004 e Presidente della Conferenza episcopale turca. E’ il 3 giugno del 2010 quando l’austista del presule, Murat Altun, gli sferra diverse coltellate. Monsignor Padovese trova la forza di uscire per chiedere aiuto, ma cade in terra ed il suo aguzzino lo finisce decapitandolo. Testimoni dichiareranno che dopo aver ucciso il vescovo Altun abbia urlato «Ho ammazzato il grande satana! Allah Akbar!».

 

L’omicidio di monsignor Padovese è messo in relazione alla volontà di alcuni gruppi ultranazionalisti e fondamentalisti islamici di eliminare completamente i cristiani dalla Turchia.

 

Del resto nel 2006 – prima della visita di Benedetto XVI ad Ankara, Efeso ed Istanbul – è lo stesso vicario dell’Anatolia  a dichiarare ad Aiuto alla Chiesa che Soffre che «la presenza cattolica – e direi segnatamente la presenza di sacerdoti cattolici – è vista come qualcosa che contrasta con il nazionalismo turco».

 

I funerali si svolgono nel Duomo della natia Milano il 14 giugno. Durante l’Omelia il cardinale Dionigi Tettamanzi lo ricorda così: «Chicco di grano, infine, padre Luigi lo è stato in quell’ultimo drammatico istante della sua vita, mentre era accanto a un fratello che considerava amico e figlio. Il suo corpo e il suo sangue sono davvero caduti sulla terra di Turchia e, pur nel dolore e nelle lacrime, ci appaiono per quello che sono davvero: non più segni di una vita strappata da violenza insensata e tragica ma offerta viva di sé che padre Luigi ha vissuto in ogni giorno della sua missione di Vescovo, di amico della pace, di fratello di ogni uomo per amore di Cristo Signore».

 

Questo elemento è stato inserito in . Aggiungilo ai segnalibri.